mercoledì 28 novembre 2012

Shearling e pellicce [moda+fotografia]


Ciao a tutti! Oggi vi propongo un post un po' interessato... 
Sono andata in cerca di foto che mostrassero modi carini per indossare un capo che ho comprato giusto qualche giorno fa, diciamo un po' per sfizio, senza sapere bene come portarlo. Si tratta della giacca di montone (o shearling)
In realtà la mia è fatta con materiali ecologici e all'interno non ha la classica lanugine bianca ma ecopelliccia in tono simile al colore esterno. Qui si potrebbe aprire l'annoso dibattito pro-contro pelliccia; io sono contro, a meno che non si tratti di pellicce vintage, ma penso che ci sarebbe da riflettere molto sull'uso ben più diffuso di pellami bovini e ovini (v. montone)... quanti di noi ci prestano attenzione? Partendo da un approccio non vegetariano, meglio un animale allevato per carne e pelle che uno allevato per la pelliccia? La differenza sta forse più nel trattamento riservato agli animali allevati, non credete? Non trovereste ipocrita una persona che schifa la pelliccia di un animale ucciso (mettiamo) senza sofferenza, ma mangia tranquillamente il salame di un maiale scannato alla vecchia maniera
Ecco alla fine il dibattito l'ho aperto...

Tornando a noi, di "montoni" ce ne sono di tanti colori, io sono andata a cercare solo quelli marrone/beige - sono i più classici, e poi sono quelli più simili al mio ;)
Spero che condividendo la mia ricerca possa essere utile anche a qualcuno di voi (magari anche maschietto, riguardo l'abbinamento dei colori perlomeno ;) 

(blogger che purtroppo non son riuscita a identificare! Ma la foto meritava!)

[Colonna sonora:  "The sheep under the snow", musica tradizionale celtica]



Misspouty



Breakfast at Katy


Sonia fashion-box


Living the Vogue


Dirty Hair Halo


Fashion Vibe


The Style Tag


Fashion Chalet


The Lilac Pages


The Blonde Salad



10 commenti:

  1. Il montone come capo non mi fa impazzire, ma concordo pienamente con te: il punto è come li allevano e come li uccidono, non poi cosa ci fanno. In realtà si potrebbe aprire un allevamento, aspettare che gli animali muoiano di vecchiaia e poi usare pelle/pelo per capi d'abbigliamento e a quel punto non ci sarebbe nulla da ridire. E' vero che spesso ci si schiera pro o contro pelliccia senza troppa coscienza di causa. Baci!

    fredshion.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che la tua proposta non sarebbe una brutta idea? So che l'hai buttata come esempio, ma pensaci: "pellicce naturali etiche". Un signore che conosco è esperto di tassidermia (imbalsamazione) per un museo, lui cerca nei boschi gli animali già morti, mica li uccide: è un po' lo stesso discorso. La natura in realtà è già molto crudele di suo in certi casi (certo noi uomini abbiamo una coscienza ed un'etica che ci dovrebbe frenare rispetto all'istinto animale... e invece spesso ci mettiamo del nostro in quanto a cattiveria gratuita, che l'animale non ha... ma sto divagando ;)

      Elimina
  2. Il montone è un capo che per le sue caratteristiche e colorazioni si adatta molto all'autunno, specie quelli più classici, come mostrano anche le foto.
    Certo i capi che derivano dall'allevamento di animali pongono un problema etico riguardante sia le condizioni in cui gli animali sono allevati, sia il modo in cui vengono soppressi. Diciamo che è più facile accettare la soppressione per esigenze alimentari, rispetto a quella per capi di vestiario, calzature e accessori.
    Un saluto e a presto!
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, è più facile accettarne lo sfruttamento a scopi alimentari. Secondo me perchè il nutrimento è essenziale e insostituibile (i vegetariani possono dissentire, ma alcune vitamine si trovano solo nella carne); al contrario per il vestiario, mentre una volta si poteva dire altrettanto, adesso abbiamo a disposizione materiali diversi che offrono lo stesso comfort.

      Elimina

  3. ciao carissima! hai fatto molto bene a scrivere questo post! belle foto e bei contenuti!
    io si sono come te, se trovo prendo giacche in ecopelle o borse in ecopelle,
    purtroppo non tutte le amiche blogger e non seguono la mia filosofia, perciò a volte le critico,
    con edicazione ma le critico, anche le mie preferite, quello che mi auguro e che un giorno anche le scarpe siano in ecopelle come i materiali che usa STELLA MC CARTNEY ;) credo cmq che oltre che le aziende devono cambiare anche i consumatori riguardo le pelliccie, non scegliere niente, ne giacche ne accessori, nulla, tanti però fanno finta di niente ;) baci, cara
    THE FASHIONAMY by Amanda ★ ★ ★ ★ ♥♥♥♥♥♥ ITALIAN♥OUTFIT♥FASHION♥BEAUTY♥BLOG
    FACEBOOK★ ★ ★ ♥♥♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver portato la tua opinione, continua a diffondere il tuo messaggio e vedrai che le persone cominceranno a sensibilizzarsi sull'argomento (che è la cosa più importante, poi ognuno farà le sue scelte ma almeno ragionate).

      Elimina
  4. Davvero carino questo post, io amo questo capo, e l'ho indossato poco tempo fa nel mio blog :-)! Ammetto di non essere un'animalista, ma non mi piace vedere soffrire animali, ammetto anche di avere pellicce, che però ho "ereditato"... Quindi diciamo che non comprerei una pelliccia adesso, ma non per questo non indosso quelle che già ho...! Hai aperto un gran bel dibattito... Son certa che si alzerà in polverone, spero solo che ogni critica/polemica sia costruttiva... Baci bella se ti va passa da me
    www.justgoshopping.net Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho delle pellicce ereditate (in realtà è "solo" agnello) e mi spiace non indossarle, sia per il valore affettivo che perchè almeno do un senso a un sacrificio che ormai è stato fatto. Bisogna capire che ai tempi dei nostri nonni si ragionava in maniera diversa, non si pensava alla sofferenza degli animali (penso ci fosse ben di peggio di cui preoccuparsi...)
      Grazie per il tuo contributo!

      Elimina
  5. Sono anni che cerco fashion blogger italiane che non utilizzino pellicce.La differenza sostanziale nell'annoso dibattito è alquanto semplice.
    Gli animali allevati per la pellliccia,per motivi solamente economici vengono allevati in un modo talmente crudele che quando mostri le foto degli allevamenti in Cina (il maggior produttore al mondo) le persone che indossano pellicce ne negano la veridicità. I procioni (racoon) sono scuoiati vivi all'età di un anno e a qyuelli allevati vengono date da mangiare i resti dei loro simili scuoiati che li rende innaturalmente cannibali.
    le volpi si staccano le zampe a morsi.Il movimento animalista anche in Germania è riuscito a regolamentare gli allevamenti.
    Ma in Cina fanno ciò che vogliono. Cavalli, Dolce Gabbana, Max Mara, Burberry importano tutte le loro pellicce dalla Cina il che li rende responsabili di questo orrore.
    Ho scritto a Chiara Biasi dicendole, in una famosa foto nel quale per le strade di Brescia indossa un gilet in pelliccia di dimensioni spropositate, che non è di buon esempio e nemmeno innovativa e eli mi ha scritto "è naturalmente finta".Sono andata sul suo sito e vi era scritto che la sua pelliccia era 100% Racoon.Oltre a mentire pubblicamente non se ne prende la responsabilità. Quindi c'è da vergognarsi ad indossarla visto che non lo ammette.
    Sarò felice di seguire Amanda Marzolini.Io personalmente amo Stella McCartney e Vivienne Westwood.E loro hanno scelto di non utilizzare pellicce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo intervento informato e utile. Hai ragione, la Cina non è certo un bell'esempio per quanto riguarda il rispetto degli animali e purtroppo neanche per il rispetto dei diritti umani. Certe persone che indossano pellicce dovrebbero, di fronte alla verità delle immagini, cambiare approccio anzichè negare per "non voler vedere". Proprio per questo ho fatto l'esempio (forse non reale, ma ipotetico) di animali allevati con rispetto a fronte di animali torturati, come discriminante per decidere se consumare o no carne, pellami ed eventualmente anche pellicce. Non conosco in dettaglio la blogger (famosa sì) che hai citato, ma mi viene il dubbio che non abbia capito che "Racoon" è un animale... se vogliamo trovarle una giustificazione nell'ignoranza... oppure quel "NATURALMENTE finta" nascondeva la vera risposta che avrebbe dovuto dare. Al contrario Amanda Marzolini dichiara con forza e coerenza il suo essere contro le pellicce ed anch'io la apprezzo per questo.
      Visto che l'argomento ti interessa, sappi che ho appena pubblicato un post sulle ecopellicce bianche! Grazie ancora e alla prossima :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...