venerdì 12 dicembre 2014

Addobbare (e addobbarsi) per Natale [moda+pittura]

Come procedono i preparativi? Qui tutto tranquillo, "chi va piano va sano e lontano" (avevo detto che nel ponte cominciavo gli addobbi, non che li ho già finiti... ;)
Anche la ragazza di questo dipinto ha appena cominciato a decorare l'abete: è stata immortalata dal pittore russo Aleksei Mikhailovich Korin col titolo abbastanza giustificato de "L'albero di Natale".


Di questo Aleksei sono riuscita a scoprire poco, giusto i riferimenti temporali (1865–1923) la nazionalità russa e alcuni altri dipinti. Siamo, come avete capito, sempre nel campo dei nostri affascinanti "minori" (o "testimoni" per dirla à la Gillipixel). Osservando questo quadro non ho dunque nozioni e preconcetti di sorta e mi lascio prendere dalle pure sensazioni. Come prima cosa noto un'affinità con un Grande della pittura - nonchè uno dei miei preferiti: Edvard Munch. C'è qualcosa di simile nel modo in cui entrambi stendono le pennellate di colore, ad esempio nella sinuosità con cui è reso lo stacco di colore del pavimento tra luce e ombra. Manca però uno schema compositivo definito (Munch avrebbe accentuato le linee, verticali o orizzontali, degli elementi rappresentati). Qui tutto è soffuso, una dolce mescolanza di colori caldi ulteriormente scaldati dalle luci gialle accese qua e là nella scena. Una scena domestica, intima; la fotografia di un momento tutto sommato banale nella sua semplicità, ma prezioso e importante come un ricordo di famiglia.

Mikhailovich Korin non ha scelto di raffigurare la magnificenza di un albero già pronto e splendente di luci, no, ha invece subìto (come me :) il fascino dei preparativi e di quella fase di attesa del Natale così carica di pensieri positivi. La magia rasserenante del Natale si legge anche sul volto della ragazza, acceso di luce riflessa e pervaso da un lieve sorriso.

Ma veniamo ora alla seconda parte del post, ovvero... come addobbarsi per Natale.
Il look della ragazza dipinta è molto semplice: un abito bianco, quello indossato per i giorni di festa da tutte le giovinette dei primi '900 (anche quelle di Munch). E' un primo spunto per un outfit da pranzo di Natale forse un po' diverso dalla norma attuale ma molto efficace (in fondo è bello che sia un "bianco Natale" e se non lo è per la neve... qualcuno deve provvedere a mantenere l'atmosfera :)


H&M Lace dress





Il resto dell'outfit lo fanno abete, addobbi e sfondo: seguitemi per scoprire come!



Nel gioco delle luci i legni della stanza creano un insieme di morbidi e caldi marroni:
ve li ripropongo sotto forma di stivali e borsetta.


Tan Knee High Pointed Heeled Boots




Pre-owned Miu Miu Clutch Bags







Persino i pungenti rami dell'abete sembrano farsi soffici nell'atmosfera del dipinto;
ed ecco che diventano gli elementi più confortevoli dell'outfit,
calze e sciarpa color verde bosco.

ModCloth Boho Bustling Belle Tights







Faliero Sarti Isadora Scarf






Per completare l'outfit vi propongo qualche tocco discreto a illuminare qua e là:
solo un'eco, un piccolo riflesso della calda lampada gialla (che rivive in un anello)
e dei cristalli colorati che decorano l'abete (o i nostri lobi, sotto forma di orecchini pendenti).


Yellow Dyed Druzy Karina Stackable Ring





MIXIT Mixit Multicolor 3-Bead Drop Earrings






A questo punto sono davvero curiosa di scoprire cos'avrà meditato Gillipixel su questo quadro e il suo autore così poco conosciuto, e se anche stavolta sarà riuscito a scovare un volto adatto per impersonare la ragazza dipinta... Come sempre la risposta la trovate qui su Andar per pensieri, il blog di Gillipixel. Buona lettura e buon weekend, mi raccomando, avanti tutta coi preparativi! :)



6 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Miiiiiii, Kikaaaaa!!! :-) Non ci posso credereeeee!!! :-) [...da leggersi con voce e intonazione "alla Aldo", di Aldo, Giovanni e Giacomo :-) ]...anche a te ha fatto venire in mente Munch :-) fortissimo, ormai siamo una squadra affiatata al massimo :-) la telepatia ci fa un baffo :-)...ehehehehehhe :-)

    Molto belle le osservazioni che hai fatto riguardo alle differenze con Munch, nella similitudine :-) la questione della verticalizzazione delle linee del pittore norvegese non avevo pensato, mi sembra molto azzeccata...

    Cosa dire poi delle tue scelte modaiole...come sempre sei stata impeccabile :-) riesci a sempre a dare un tocco di modernità a questi abbigliamenti che se fosse per il mio occhio "smodato" :-) rimarrebbero irrimediabilmente ed irrecuperabilmente ottocenteschi :-)

    L'accorciamento del vestito qui è decisivo...bellissimo anche l'abbinamento con le calze e gli stivali: sarei orgoglioso di uscire con una donna vestita così :-) (...il più sarebbe che lei accettasse di uscire con uno vestito come me...ma questo è un altro discorso, non stiamo a sottilizzare :-)

    E poi...l'anello e i pendenti, che finezza kikeska suprema :-) e la borsa, che riflette quell'atmosfera simil Munch filtrato dalla placidità russa...bello, un insieme davvero ben architettato...

    Ciao Kika :-) è sempre un piacere scoprire le tue magie modaiole :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti Gilli, e' pazzesco! :) Dai, abbiamo trovato un nuovo lavoro: apriamo insieme una trasmissione di vendite d'arte su quel canale che avevi visto, con le nostre intuizioni e la nostra sintonia riusciremo a vendere qualsiasi crosta :)) (con questo non voglio insinuare che l'Aleksei qua faccia croste ;)
      Vedo già la scaletta del programma: ... aspetta, te la scrivo in privato, casomai qualcuno ci rubasse l'idea ;)

      Elimina
    2. Ps: non so come tu vesta, ma noi donne siamo abituate ad essere quelle più modaiole della coppia, se l'uomo è "casual" ce ne facciamo una ragione ;)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Si è bellissima la borsa, mi ha incantato!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...