lunedì 13 gennaio 2014

Revolutionary Road [moda+cinema]

Buon lunedì! Il primo film che vi presento quest'anno sarà in onda proprio stasera, in seconda serata.
Se siete ancora in spirito vacanziero e non vi importa fare tardi, dunque, non perdetevi "Revolutionary Road". Devo essere sincera, non è stato uno dei miei film preferiti (forse perchè quando l'ho visto non ero in vena di storie pesanti), ma certamente merita una visione. Protagonisti sono Leonardo DiCaprio e Kate Winslet, di nuovo insieme a dieci anni da "Titanic"; è di nuovo un dramma, ma un dramma della quotidianità.
Non strappa lacrime bensì pensieri amari. 

"Revolutionary Road", regia di Sam Mendes
In onda lunedì 13 gennaio su Canale5, alle ore 23.10

Revolutionary Road è la storia di una coppia della borghesia americana anni '50: April (Kate Winslet) e Frank (Leonardo DiCaprio). Vivono con i figli in una moderna e perfetta villetta, tutto sembra andare per il meglio ma è solo apparenza. April infatti è frustrata per aver accantonato la propria carriera artistica, Frank perchè il lavoro ben pagato con cui mantiene la famiglia è di una noia mortale. La mediocrità è il prezzo del benessere, sembra essere la morale del film. Tra altarini più o meno nascosti e ipotesi di riscatto, il film si snoda sotto una luce fredda come la patina che avvolge le vite dei protagonisti. I colori sono smorzati, ma non in senso delicato e romantico. Anche nei costumi (per cui "Revolutionary Road" ha avuto una nomination all'Oscar). Ecco, se pensiamo ai tipici look anni '50, ci sembra che gli abiti di April-Kate siano la versione più composta e rigida di quella moda. Un po' dipenderà dal periodo della decade in cui il film è ambientato (gli anni '50 non sono tutti uguali) ma molto c'entra sicuramente con il voler dare una veste adeguata alla caratterizzazione del personaggio. Vi lascio alle immagini, giudicate voi e... buona visione, ora e stasera!










8 commenti:

  1. Non l'avevo visto, ma i due protagonisti sono ottimi attori, secondo me, in particolare lei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Paola, Kate è bravissima ed è cresciuta professionalmente nel tempo. Se hai poi visto il film dimmi cosa ne pensi!

      Elimina
  2. Non ho visto il film, Kika, ma guardo sempre di buon occhio chi insinua il sano tarlo del dubbio in quella mezza bufala del sogno americano :-) Se proprio di sogno si deve parlare, il sogno americano spesso assomiglia a quelli fatti durante un sonno travagliato, dopo un'abbuffata di peperonata abbondantemente contornata da cipollotti sotto aceto :-)

    A parte questa nota un po' pedante e sociologichizzante :-) mi piace un sacco Kate Winslet, è un'attrice di grande bravura. Una delle sue prove più potenti credo l'abbia data nel film "Carnage" di Roman Polansky, e non scherza nemmeno in "Holy Smoke - Fuoco sacro", di Jane Campion...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, su questa cosa del sogno americano mi trovi d'accordissimo (e pure sulla bravura di Kate Winslet, anche se confesso di non aver visto nessuno dei due film che citi: devo assolutamente rimediare! Credo infatti di non averla vista al suo meglio!)
      Ps: ti ho scritto in privato anticipandoti il soggetto di venerdì ;)

      Elimina
    2. A proposito di sogno americano infranto...Carnage è un vero pugno nello stomaco alle convenzioni sociali, una prova suprema di 4 attori in forma strepitosa, politicamente scorretti al massimo :-)...non ricordo i nomi dei due protagonisti maschili, che sono anche loro eccellenti, ma ricordo benissimo, oltre alla bravura di Kate, una Jodie Foster altrettanto spettacolare...

      Holy Smoke è invece un condensato di follia australiana :-) dove Kate dà molto della sua maestria espressiva...

      Questi due film li ho visti passare su Raimovie diverse volte...dato che è un canale che replica spesso, magari se lo tieni d'occhio ti può capitare di beccarli :-)

      Per il resto: d'accordo :-)

      Ciao Kika :-)

      Elimina
  3. L'ho rivisto proprio ieri sera in seconda serata in tv e devo dire che ad ogni visione riesco ad apprezzarlo sempre di più. E' uno di quei classici film che andrebbero visti una volta l'anno perchè ogni volta, ci sono degli spunti diversi da prendere in cosiderazione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io stavolta me lo sono perso, ma hai ragione, andrebbe rivisto più volte con spirito e occhio diversi!

      Elimina
  4. L'ho visto un po' di tempo fa, e in effetti è un film "pesante" per l'aria che si respira... Ma raggiunge appieno il suo scopo, quello di smorzare i toni dell'american dream e mostrare i suoi altarini... Kate Winslet è straordinaria, una garanzia, Di Caprio, che pur mi piace molto (per le sue doto di attore :P ) qui invece l'ho trovato poco adatto, non so, forse per l'aria sempre troppo giovane che ha - nonostante gli anni!
    I costumi sono effettivamente straordinari, mostrano anche una moda anni 50 diversa (penso anche ai look della Winslet in pantaloni, a quell'epoca veramente rivoluzionari!)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...