venerdì 8 novembre 2013

Fiori "art nouveau" per la musa di Klimt [moda+pittura]

Scusate il ritardo con cui esce il post, fino a oggi internet mi funzionava a singhiozzo... ma finalmente sono riuscita a preparare e pubblicare ciò che avevo in mente :)
La protagonista del quadro di oggi è Emilie Floge, la musa di Klimt.


Gustav Klimt, come saprete, è il massimo esponente della pittura Art Nouveau e del Secessionismo viennese. I suoi quadri sono un tripudio di ori e colori, motivi stilizzati e donne altrettanto sinuose, splendidamente rappresentate sia in nudo che vestite. Fiori, linee, geometrie si fondono e si susseguono come in un mosaico affascinante. Qui a indossarle è Emilie, musa e compagna del pittore, modello di tanti ritratti (ma questo porta proprio il suo nome).
La cosa speciale è che questi vestiti esistevano davvero: erano disegnati proprio da Gustav Klimt per Emilie, che gestiva un atelier di moda. Lei stessa era designer e insieme lanciarono questo nuovo genere di abiti ricchi di evocazioni decorative ed orientali, che lasciavano la donna libera nei movimenti (addio corsetti!). Moda e pittura in questo caso viaggiavano veramente insieme!

Pensando a come proporre il look di Emilie dal vivo mi sono trovata indecisa nel mare delle fantasie (quante belle cose ci sono sul web... meno male che mi devo tenere a freno causa budget ultraridotto, perchè le tentazioni sono davvero forti!).
Risultato finale? Un unico abito a tema "fiori stilizzati", ma diversi accessori con cui declinarlo:



Warehouse - on Zalando


Due sciarpe a microfantasia per moltiplicare colori e concetto...


Reach for the Skyline Scarf





MOSAIQUE Oblong scarf





...e due paia di stivali cognac, uno con tacco e uno più sportivo:


Sole Society Brandi knee high boot





JustFab Remy - Cognac




Buon weekend, vi lascio un link per scoprire qualcosa di più sulla musa di Klimt!
Ps: ho scoperto anche un negozio di abbigliamento dark che usa il suo nome ed immagine (!)



17 commenti:

  1. Lo adoro Kika! Mi piace davvero moltissimo perchè lo farei mio volentieri! Caterina www.imieioutfit.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti donerebbe molto quel modello, ne sono sicura!

      Elimina
  2. Klimt e vestiti a fiori! *_*
    prefetto come al solito e stupendo l'abbinamento! Lo indosserei subito!
    Non sapevo che esistessero davvero i vestiti dei dipinti di Klimt, ma in effetti sono sempre così particolareggiati.. Avrei proprio voluto vivere a quel tempo, quello del via i corsetti :D
    Tra Amelie, vestiti a fiorellini e art nouveau... Adoro questa tua settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (ovviamente volevo dire *perfetto*. Mi sa che è ora di spegnere il computer! :P)

      Elimina
    2. Ah ah, non mi ero neanche accorta del "prefetto"! Un prefetto vestito così sarebbe molto interessante :) Sono contenta di aver fatto una tripletta di post in perfetto (o prefetto?) accordo con i tuoi gusti :) Un bacio e a presto!

      Elimina
    3. :D il prefetto così farebbe la sua figura!! XD nemmeno io ero a conoscenza di tutte queste informazioni! Kika sto imparando sull'arte molto più da te che in anni di scuola!! grazie!! a me i corsetti piacciono, non da indossare ogni giorno però come biancheria intima per occasioni speciali sì :)

      Elimina
    4. domani pubblico il nostro post! ^_^

      Elimina
    5. ahah il prefetto a fiorellini :D
      Anche io amo i corsetti, però trovo che il periodo più interessante per le donne sia stato quando hanno iniziato a toglierli (e a reclamare i propri diritti!), e non solo, l'arte di quel periodo, a partire dall'impressionismo via via passando per tutti i vari "ismi"del novecento è quella che preferisco. Va di pari passo con le donne finalmente libere - e ce lo dimostri in ogni post! :)

      Elimina
  3. ma che splendida idea, adoro questo genere di post e Klimt è uno dei miei pittori preferiti (insieme a Schiele...eh sì, la permanenza viennese mi ha decisamente influenzato :))!!
    Buon week-end!


    lens & anything else

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vienna in quel periodo doveva essere proprio un luogo speciale dove vivere e "vivere d'arte"! (ma anche adesso non scherza, immagino!)
      Grazie e a presto, buon weekend anche a te :*

      Elimina
  4. Ciao Kika, c'è un premio per te sul mio blog! Caterina http://www.imieioutfit.blogspot.it/2013/11/premio-versatile-blogger-award.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, vengo subito a vedere!! :*

      Elimina
  5. Molto bello, ottima scelta di abiti! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, la tua approvazione mi fa molto piacere!

      Elimina
  6. Molto originale, Kika, questa idea di ricercare i vestiti delle grandi opere d'arte...non sono esperto di moda, anzi... :-) ma questo gioco è molto affascinante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! E' vero, per me è come un gioco e mi permette di "entrare" nei dipinti in un modo diverso da quello classico (ma esiste poi un modo solo di approcciare l'arte? :)
      Sul blog http://ricettefuorifuoco.blogspot.it/ della mia amica Emanuela propongo un gioco simile ma sul tema del cibo e delle ricette: se ti va di passare, abbiamo appena pubblicato un post su un'opera di André Derain!

      Elimina
  7. Bellissima anche la commistione cucina-arte, Kika :-) ho apprezzato molto...quando parlavo di gioco, ovviamente mi riferivo all'accezione più nobile ed alta del termine...questo spaziare tra moda, pittura, cinema, e così via, è un esercizio di fantasia molto raffinato e ricco di sorprese...

    Continuerò a seguire con interesse le tue cose, brava!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...